La crisi dello spirito meritocratico

La logica sociale dell’ammissione ai prestigiosi e ricercatissimi atenei americani della Ivy League, che comprende le otto università private più elitarie.

da un articolo di Malcolm Gladwell
The New Yorker, 2 ottobre 2005

Continua a leggere “La crisi dello spirito meritocratico”

La trappola della soddisfazione

La soddisfazione – la gioia per la realizzazione di desideri o aspettative – è qualcosa di evanescente. Qualsiasi conquista sembra sfuggirci di mano. È il più grande paradosso della vita umana.

da un saggio [*]
di Arthur C. Brooks
The Atlantic, 8 febbraio 2022

Continua a leggere “La trappola della soddisfazione”

Errori

di Ennio Flaiano

Vivere è una serie ininterrotta di errori, ognuno dei quali sostiene il precedente e si appoggia al seguente.

da “Diario degli errori” (1976)

La filosofia non è una sostanza, ma un’intensità…

di Giorgio Agamben

… che può di colpo animare qualunque ambito: l’arte, la religione, l’economia, la poesia, il desiderio, l’amore, persino la noia. Assomiglia più a qualcosa come il vento o le nuvole o una tempesta: come queste, si produce all’improvviso, scuote, trasforma e perfino distrugge il luogo in cui si è prodotta, ma altrettanto imprevedibilmente passa e scompare.

da Che cos’è la filosofia, Quodlibet, 2016.

Continua a leggere “La filosofia non è una sostanza, ma un’intensità…”

La domanda più indiscreta…

Guido Ceronetti

… più insolente, più insoffribile, e la più comune anche, la più poliglotta, la più persecutoria, al telefono e faccia a faccia, la domanda che mette alla tortura chi ama la verità perché la si formula per avere in risposta una miserabilissima bugia è “come stai?”

da La fragilità del pensare

No

Possiamo vivere come vivono gli altri e tuttavia nascondere un no più grande del mondo: è l’infinito della malinconia…

Emil Cioran, Sommario di decomposizione

Immagine: Egon Schiele, Autoritratto con la mano sulla guancia, 1910.

Continua a leggere “No”

I sommersi e i salvati

Quando Primo Levi si è tolto la vita, tutti hanno detto che era successo perché era stato internato ad Auschwitz. Io invece ho pensato che dipendesse dal fatto che scriveva di Auschwitz, dalla fatica dell’ultimo libro, che contemplava con tanta chiarezza quell’orrore. Alzarsi ogni mattina per scrivere quel libro avrebbe ucciso chiunque.

Philip Roth, da Il fantasma esce di scena

Continua a leggere “I sommersi e i salvati”

L’entomologo e il formichiere

Ennio Flaiano

Voi scambiate la vostra noia per indignazione morale.
Volete rompere il vasellame non perché avete deciso di farne a meno, ma solo perché adesso siete sazi.
La libertà vi fa orrore ora che nessuno ve la toglie.
Anelate alla vita semplice e gregaria delle formiche, vi occorre un capo da adorare. Ne avrete due a scelta: l’entomologo e il formichiere.


da “La solitudine del satiro”

Continua a leggere “L’entomologo e il formichiere”

A mala pena i titoli

Luciano Canfora

A Roma, tra i ricchi, era esplosa la mania di riempirsi la casa di libri. “A che servono – tuonava un filosofo stoico – intere collezioni di libri se nell’arco della vita il padrone riesce a mala pena a leggerne i titoli? Vòtati a pochi autori, non vagabondare tra tanti!”.

da La biblioteca scomparsa

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑