C’è colpo e colpo

di Giovanni Raboni

C’è colpo e colpo. Ci sono ferite di striscio
che nessuno può guarire
e uomini che muoiono a ottant’anni
di coltellate prese in gioventù.
Non c’è regola. Qualcuno si salva
e si fa prete. A qualcuno la vista
s’indebolisce. A volte
i coltelli rispuntano dal cuore
nel senso della lama.

Immagine: Richard Diebenkonr, Knife in Glass, 1963.

Passano gli anni…

[…]
Passano gli anni, i mesi,
e se li conti anche i minuti,
è triste trovarsi adulti
senza essere cresciuti;

[…]

Fabrizio De André, da “Un giudice”

Blu

“…e tutto sa di miracolo; e sono quell’acqua di nube che oggi rispecchia nei fossi più azzurro il suo pezzo di cielo…”

Salvatore Quasimodo, Specchio

Blu. Barbara Ricchebuono, acquerello.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑