La donna che tradusse il giovane Holden

Un articolo un po’ datato per i 60 anni dall’uscita del grande romanzo di J.D. Salinger, che gli italiani conoscono nella versione di Adriana Motti.

di Luca Sofri
Il Post, 17 luglio 2011

Continua a leggere “La donna che tradusse il giovane Holden”

Non chiamarmi

Ada Negri

Non chiamarmi, non dirmi nulla
Non tentare di farmi sorridere.
Oggi io sono come la belva
che si rintana per morire.

La domanda più indiscreta…

Guido Ceronetti

… più insolente, più insoffribile, e la più comune anche, la più poliglotta, la più persecutoria, al telefono e faccia a faccia, la domanda che mette alla tortura chi ama la verità perché la si formula per avere in risposta una miserabilissima bugia è “come stai?”

da La fragilità del pensare

No

Possiamo vivere come vivono gli altri e tuttavia nascondere un no più grande del mondo: è l’infinito della malinconia…

Emil Cioran, Sommario di decomposizione

Immagine: Egon Schiele, Autoritratto con la mano sulla guancia, 1910.

Continua a leggere “No”

I sommersi e i salvati

Quando Primo Levi si è tolto la vita, tutti hanno detto che era successo perché era stato internato ad Auschwitz. Io invece ho pensato che dipendesse dal fatto che scriveva di Auschwitz, dalla fatica dell’ultimo libro, che contemplava con tanta chiarezza quell’orrore. Alzarsi ogni mattina per scrivere quel libro avrebbe ucciso chiunque.

Philip Roth, da Il fantasma esce di scena

Continua a leggere “I sommersi e i salvati”

C’è nel mattino

Mariangela Gualtieri

C’è nel mattino – sarà
per quella luce – una sottile ebbrezza
sarà per la bellezza
degli inizi – quella promessa
che sempre si nasconde
quando s’avvia un nuovo
qualche cosa.
Sarà il bello
di cominciare
con tutta l’energia rappresa
ancora intatta in gocce
tutta sospesa sopra il fare nostro.

da Quando non morivo, Einaudi, 2019

Continua a leggere “C’è nel mattino”

Si ha fiducia

di Charles Dickens

… raramente la disperazione coglie al primo colpo della sventura. Si ha fiducia in amici non ancora messi alla prova, si ricordano le offerte di servigi che tanti allegri compagni hanno fatto quando non si aveva bisogno di loro…

da Il Circolo Pickwick

Immagine: Simon Gradwell

Alcuni

di Amy Hempel

“Alcuni di noi soffrono in silenzio di un male rumoroso.”

Amy Hempel, Ragioni per vivere

Immagine: Eugène Delacroix, Il letto disfatto.

Sporco

Luigi Balocchi

La casa era tutta uno specchio.
Tutto brillava.
Sui vestiti
non avevo una macchia.
I capelli puliti. Lustre le scarpe.
Ero un bravo bambino.
Ero sporco da far schifo.

Immagine: Ahmed Ramzan

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑