Arte: gli anniversari importanti del 2022

Dal centenario della pubblicazione dell’Ulisse di Joyce a quello della nascita di Lucien Freud, dai 150 anni dalla nascita di Mondrian all’inaugurazione del museo Mauritshuis dell’Aia e alla probabile apertura del Grand Egyptian Museum al Cairo, costato due miliardi di sterline.

Apollo, The International Art Magazine
2 gennaio 2022

Ulysses
‘L’era cristiana è finita a mezzanotte del 29-30 ottobre dell’anno scorso’, scriveva Ezra Pound, nel marzo del 1922, anno che definiva ‘1 p.s.U. [post scriptum Ulysses]‘. Quell’anno può essere considerato una pietra miliare nella storia del modernismo letterario per molte ragioni, come la pubblicazione di The Waste Land di T.S. Eliot e di Jacob’s Room di Virginia Woolf, ma l’uscita del romanzo di Joyce è la più significativa.
Il centenario sarà ricordato in diverse mostre, tra le quali ‘Mapping Fiction’ (Huntington, U. S. A., 15 gennaio–2 maggio), che indaga il modo in cui i romanzieri e i loro lettori hanno tracciato mondi immaginari, con particolare attenzione al disegno meticoloso che Joyce fece di Dublino.
[…]


Reflection with Two Children (Self-portrait) (1965), Lucian Freud. Photo: Museo Nacional Thyssen-Bornemisza, Madrid; © The Lucian Freud Archive/Bridgeman Images

Lucian Freud
Alla National Gallery, il museo preferito di Lucian Freud, sarà celebrato il centenario della sua nascita con l’allestimento di ‘Lucian Freud: New Perspectives’ (1 ottobre–22 gennaio 2023), che riunisce oltre 60 opere del pittore, dalle prime tele famose come Girl with Roses (1947–48) fino agli ultimi nudi monumentali.


Lozenge Composition with Eight Lines and Red (Picture No. III, 1938),
Piet Mondrian. 
Fondation Beyeler. Ph. Robert Bayer; © Mondrian/Holtzman Trust

Piet Mondrian
A 150 dalla sua nascita, la Fondation Beyeler di Basel/Riehen proporrà una mostra dedicata alla lunga e variegata carriera del pittore (5 giugno–9 ottobre), partendo dai primi lavori di fine Ottocento, quando Mondrian ancora dipingeva paesaggi olandesi, fino alle sue infatuazioni per il Simbolismo e il Cubismo, prima di approdare alle ultime astrazioni geometriche che rappresentano il suo contributo definitivo alla storia dell’arte moderna.


Mauritshuis, The Hague. Photo: Ivo Hoekstra

The Mauritshuis
Nel 1820, la casa costruita all’Aia a metà del Seicento da John Maurice, governatore del Brasile olandese, fu acquistata dallo stato olandese per ospitare il Royal Cabinet of Paintings. La Mauritshuis aprì al pubblico due anni più tardi e ora il museo ha programmato un gran numero di eventi e mostre per ricordare il suo bicentenario. ‘In Full Bloom’ (inaugurazione il 16 February) ospiterà una serie di nature morte accompagnate dalla trasformazione della facciata del museo in un ‘bouquet impossibile‘. In una nuova pubblicazione dal titolo Pen Meets Paint, 200 scrittori (tra i quali Isabel Allende, Margaret Atwood e Hilary Mantel) descrivono l’influenza che le opere della collezione Mauritshuis ha esercitato su di loro.
[…]


Egittologia
Sono passati 100 anni da quando Howard Carter scoprì la tomba di Tutankhamon nella Valle dei Re, e 200 da quando Jean-François Champollion decifrò i geroglifici della Stele di Rosetta. Il 2022 potrebbe essere l’anno dell’apertura, a lungo rimandata, del Grand Egyptian Museum al Cairo – ma se non dovesse accadere, a Lipsia (aprile-ottobre 2022), al Museo Egizio si potrà visitare una mostra sui primi passi dell’egittologia.

I commenti sono chiusi.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: