Ode alla pennica

Il sonnellino buono ti circonda della grazia di Dio: un’alterazione dello spirito delicata e immeritata. Quello cattivo, e triste, è come l’incudine che colpisce Willly il Coyote.

da un articolo di James Parker
The Atlantic, 19 dicembre 2020

Immagine: comicsandoimage.wordpress.com

Può andar bene, nel senso che riesce a svolgere la sua funzione di ristoro: venti minuti circa di sonno leggero e indisturbato, proprio quando ne hai bisogno. Dopo pranzo, magari, come suggerisce gentilmente la natura. Così ti calmi, sprofondi, ma non troppo. Un vuoto delizioso. Poi riapri gli occhi e sei di nuovo sveglio, in una specie di stato di innocenza e soddisfazione. Ti senti rinvigorito. Grande idea, quella della pennica.

Ma può anche andar male. Sprofondi, sei risucchiato. E sudi, ti agiti, mugugni. Dopo una lenta, profonda battaglia, annaspi verso il risveglio. Sei in piedi, più o meno. Ma hai passato troppo tempo tra le braccia di Morfeo. Ora le sue tracce chimiche sono dentro di te. Sei invecchiato, visibilmente. La tua faccia sembra una ciambella schiacciata. Hai davanti un pomeriggio grigio di torpore. Lo stato di coscienza è faticoso. Pessima idea, quella della pennica.

E non lo puoi mai sapere, questo è il problema. Sono in gioco alcune variabili biologiche – l’assunzione di alcolici, la quantità di tempo di cui hai bisogno, gli ormoni, le ghiandole, il tono neurologico generale – ma in sostanza è un mistero. Il sonnellino buono ti circonda della grazia di Dio: un’alterazione dello spirito delicata e immeritata. Quello cattivo, e triste, è come l’incudine che colpisce Willy il Coyote.

Gli esperti ti diranno che un sonno pomeridiano troppo pesante può interferire con i bioritmi. Ma cosa ne sanno? Dopo l’anno che abbiamo appena passato, dopo qualsiasi cosa sia successa stamattina, i dati lasciano il tempo che trovano. Esperti: ricominciate da capo. Siamo diversi, ora. Se durante la giornata hai tempo per un sonnellino, fallo!

Una risposta a "Ode alla pennica"

Add yours

  1. Per me la pennica è sacra.
    Venerdì e saboto, rigorosamente.
    Il VEN orario (circa) 15:00-16:30
    il SAB orario (circa) 14:00-16:00
    Non metto la,sveglia, questi sono gli orari “medi” del mio “riposino”.
    Di cui ho una reale necessità. per ricaricare le pile dopo una settimana di lavoro che non sembra passare mai.

    Ripeto: è sacra. Mi arrabbio molto se mi svegliano, l’unico che mi può fare compagnia è il gatto, che in effetti in quegli orari ronfa più di me.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: