Felicità

di Taylor Caldwell

Felicità! – esclamò il vecchio, come se Eugenia avesse pronunciato una parola odiosa, il cui suono l’avesse offeso.

Immagine: Astrid Verhoef, from series ‘Inscapes’.

– … Vi siete mai soffermato un attimo a pensare alla sua felicità? Questa felicità è stata distrutta per sempre!
– Felicità! – esclamò il vecchio, come se Eugenia avesse pronunciato una parola odiosa, il cui suono l’avesse offeso. – Che sciocchezze dici? Ti sto parlando di cose serie, e tu mi interrompi con commenti insulsi. Che puerilità, che osservazione assurda! Soltanto gli idioti parlano di felicità, forse soltanto i sognatori e i poeti. Ma rifletti un momento: hai mai conosciuto un solo uomo o una sola donna che possano dirsi felici? Soltanto un bambino e, chissà, un ubriaco o un fumatore d’oppio hanno lampi di beatitudine, ma questo non ha niente a che fare con il nostro mondo. Io parlo di vita, non di sogni, di incoscienza o di stupefacenti!


Taylor Caldwell, La casa senza sole, 1943 (Italia, 1953)



Taylor Caldwell nacque a Manchester in una famiglia che discendeva dal clan scozzese di MacGregor. All’età di sei anni, vinse una medaglia per un saggio su Charles Dickens. Nel 1907, si trasferì negli Stati Uniti con i genitori e il fratello. Iniziò a scrivere quando aveva 8 anni e il suo primo romanzo, The Romance of Atlantis, scritto a dodici anni, fu pubblicato solo nel 1975.
Nel 1918–1919, prestò servizio nella Riserva della Marina degli Stati Uniti. Nel 1919 sposò William F. Combs, dal quale ebbe una figlia. Dal 1923 al 1924 lavorò come stenografa presso lo State Department of Labor di Buffalo, New York. Nel 1924, entrò nel Board of Special Inquiry (un tribunale per l’immigrazione) presso il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti.
Nel 1931 si laureò alla University of Buffalo e divorziò dal marito per poi sposare Marcus Reback, dal quale ebbe una seconda figlia nel 1932 (il matrimonio durò 40 anni, fino alla morte di lui nel 1971), che lavorava per l’Immigration and Naturalization Service degli Stati Uniti.
Nel 1934, iniziò a scrivere il romanzo Dynasty of Death, completato con la collaborazione di Reback, che fu pubblicato nel 1938 e divenne un best-seller.
Nel corso della sua carriera di scrittrice, pubblicò altri 42 romanzi, tra i quali This Side of Innocence was, che restò più di sei mesi – di cui nove settimane al primo posto – nella classifica dei migliori best-seller del New York Times. Seguì poi una lunga serie di successi (si stima che i suoi lavori abbiano venduto 30 milioni di copie), che fu premiata con numerosi riconoscimenti, tra i quali la medaglia d’oro della National League of American Pen Women (1948), il Buffalo Evening News Award (1949) e il Grand Prix Chatvain (1950).
Si professò conservatrice e per un periodo scrisse per la rivista mensile American Opinion della John Birch Society, e addirittura collaborò con la Liberty Lobby anti-semita.
Nella sua autobiografia del 1971, On Growing Up Tough (1971), inserì molti degli articoli non pubblicati da American Opinion.
Nel 1972 sposò William Everett Stancell, un imprenditore edile in pensione, dal quale divorziò nel 1973. Il nuovo matrimonio (1978) con William Robert Prestie, un canadese più giovane di lei di 17 anni, provocò non poche difficoltà famigliari: ebbe una lunga controversia con la seconda figlia Judith, in merito al patrimonio del padre Marcus, che si suicidò nel 1979.
Sempre nel 1979, Caldwell ebbe un ictus dal quale uscì senza più poter parlare, ma continuò a scrivere (era sorda già dal 1965 circa). L’autrice morì di arresto cardiaco a Greenwich, Connecticut, nel 1985.
Ci fu poi una battaglia legale tra la sua prima figlia Peggy, che aveva accusato Prestie di abuso e sfruttamento della madre, sulla sua eredità.

Fonte: en.wikipedia.org/wiki/Taylor_Caldwell


Opere:

Dynasty of Death, Charles Scribner’s Sons, 1938
La dinastia dell’oro, trad. it. di Maria Zotti e Giuseppina Ripamonti Perego, Baldini & Castoldi, 1940;

The Eagles Gather, New York, Charles Scribner’s Sons, 1940
Le aquile si radunano, trad. it. di Grazia Brambilla Pisoni;, Baldini & Castoldi, 1948

The Earth Is the Lord’sA Tale of the Rise of Genghis Khan, New York, Literary Guild of America, 1940;

Time No Longer, 1941;

The Strong City, 1942
La roccaforte, trad. it. di Emilia Durini, Baldini & Castoldi 1951;

The Arm and the Darkness, 1943;
Le spade del silenzio trad. it. di Ada Fava, Baldini & Castoldi, 1952;

The Turnbulls, 1943;
La casa senza sole, trad. it. di Ada Fava, Baldini & Castoldi, 1953;


The Final Hour, 1944;
L’ora finale, trad. it. di Grazia Brambilla Pisoni, Baldini & Castoldi, 1949;

The Wide House, 1945
La grande casa, trad. it. di Sergio Monteverde Baldini & Castoldi, 1949;

This Side of Innocence, 1946;
La riva degli innocenti, trad. it. di Fluffy Mazzucato, Istituto Editoriale Italiano, 1947;

There Was a Time, 1947;
Sognare e soffrire, trad. it. di Adriana Valori Piperno, Casa Ed. Jandi-Sapi, 1949;

Melissa, 1948;
Melissa, trad. it. di Ada Fava, Baldini & Castoldi, 1950;

Let Love Come Last, 1949;
Lascia che amor sorrida, trad. it. di Ada Fava Baldini & Castoldi, 1950;

The Balance Wheel, 1951 (in Gran Bretagna: The Beautiful Is Vanished)
I sogni non muoiono, trad. it. di Stefano Tramonte, Baldini & Castoldi, 1952;

The Devil’s Advocate 1952;
Tempo di amore, tempo di odio, trad. it. di S. Tramonte, Baldini & Castoldi, 1970;

Maggie – Her Marriage, 1953;

Never Victorious, Never Defeated, 1954;
Né vincitori, né vinti, trad. it. di Maria Silvi, Baldini & Castoldi, 1956;

Your Sins and Mine, 1955;

Tender Victory, 1956;
Chi ama non è solo, trad. it. di Maria Silvi, Baldini & Castoldi, 1958;

The Sound of Thunder, 1957;
Per te, la vita in dono, trad. it di Agnese Silvestri Giorgi, Baldini & Castoldi, 1959;

Dear and Glorious Physician, 1958;
Una stella su Antiochia, trad. it. di Agnese Silvestri Giorgi, Baldini & Castoldi, 1961;

The Listener, 1960;
Il mio cuore ti ascolta, trad. it. di Agnese Silvestri Giorgi, Baldini & Castoldi, 1962;

A Prologue to Love, Reback & Reeback, 1961;
Prologo all’amore, trad. it. di Agnese Silvestri Giorgi, Baldini & Castoldi, 1964;

The Late Clara Beame, 1963;
La defunta Clara Beame (con L’angelo perverso), Baldini & Castoldi, 1967;

Grandmother and the Priests, 1963 (in Gran Bretagna: To See the Glory);
La nonna e i servi di Dio, trad. it di Agnese Silvestri Giorgi, Baldini & Castoldi, 1965;

A Pillar of Iron, 1965;
Cicerone, voce di Roma, trad. it. di Agnese Silvestri Giorgi, Baldini & Castoldi, 1966;

Wicked Angel, 1965;
L’angelo perverso (con La defunta Clara Beame);

No One Hears But Him, 1966;
Solo Lui ascolta, trad. it. di Giorgio U. Donadio, Baldini & Castoldi, 1968;

Dialogues with the Devil, 1967;

Testimony of Two Men, Garden City, N. Y. : Doubleday, 1968;
Il sapore dell’odio, trad. it. di Mario Lamberti, ed. Accademia, 1972;

Great Lion of God, 1970;
Il leone di Dio, trad. it. di Maria Basaglia, A. Mondadori, 1972;

On Growing Up Tough, 1971;

Captains and the Kings, Fawcett Pubblications, 1972;
Capitani e Re, trad. it. di Adriana Macchetta, Ed. Accademia, 1974;

To Look and Pass, 1973;

Glory and the Lightning, Fawcett, 1975;
Gloria e splendore, trad. it. di Maddalena Biro, Ed. Accademia, 1977;

The Romance of Atlantis (con Jess Stearn), Fawcett Pubblications, 1975;

Ceremony of the Innocent, 1976;

I, Judas (con Jess Stearn), 1977;
Io, Giuda, trad. it. di Bruno Oddera, A. Mondadori, 1977;

Bright Flows the River, 1978;
Vivido scorre il fiume, trad. it. di Mercedes Giardini Ozzola, Ed. Dall’Oglio, 1981;

Answer As a Man, 1980;
Essere uomo, trad. it. di Mercedes Giardini Ozzola, Ed. Dall’Oglio, 1982;

Unto All Men, 2012;

I commenti sono chiusi.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: