Russia # 2: propaganda e porcellana

Kazimir Malevich, 1923

Subito dopo la rivoluzione dell’ottobre 1917, i bolscevichi si impossessarono della fabbrica di porcellana imperiale, di Pietrograd e la rinominarono Fabbrica Statale di Porcellana.

da un articolo di Nina Lobanov-Rostovsky 
Apollo Magazine, 25 maggio 2017

Mikhail Adamovich, 1921.

Nel 1925, divenne la Fabbrica di Porcellana Lomonosov di Leningrado, dal nome del grande scienziato Settecentesco Mikhail Lomonosov.
Fondata nel 1744, fu la terza dopo Vienna e Meissen, e lavorava esclusivamente per la corte imperiale per la quale produceva servizi da cena da utilizzare nei palazzi, sulle navi e come articoli rappresentativi.
Con lo scoppio della Prima guerra mondiale, molti dei lavoratori della fabbrica furono mandati a combattere, lasciando solo uno “scheletro” della forza lavoro che produceva piatti e materiali isolanti elettrici per gli ospedali militari.


Sergei Chekhonin, 1918.


Rudolf Vilde, 1921.


Rudolf Vilde, 1918.


Sergei Chekhonin, 1918.

I commenti sono chiusi.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: