Il coronavirus e i media. L’assenza di un approccio umanistico

Il racconto di questa pandemia ha sovraesposto i virologi e manca di un approccio umanistico. Qualche spunto di riflessione sull’argomento.

di Federico Giannini 
Finestre sull’Arte, 5 aprile 2020

Immagine: Genova, Parte della Riviera presa dal Lazzaretto (incisione della prima metà del XIX secolo). Il lazzaretto è l’edificio che si vede al centro della composizione, sulla riva.


Un paio d’esempî. Il primo è dello scorso 29 marzo, al programma Che tempo che fa: secondo il virologo Roberto Burioni, il giorno in cui terminerà l’emergenza sanitaria e in cui potremo finalmente uscire, “tutti dovremo portare una mascherina ogni quattro ore”. Il secondo è del 4 aprile: intervista del Corriere della Sera al virologo Andrea Crisanti: “sarà meglio usare mascherina e guanti anche in casa.
E, soprattutto, limitare all’indispensabile l’utilizzo degli ambienti domestici condivisi”. Se un domani qualcuno si troverà a scrivere un libro sulla comunicazione mainstream durante la pandemiadi Covid-19 da coronavirus, probabilmente un capitolo sarà dedicato alla sovraesposizione mediatica di virologi, epidemiologi, infettivologi: non esiste talk show che ogni giorno non abbia il suo tecnico che, puntualmente, ripete all’incirca le stesse informazioni. Certo, ne ha beneficiato la nostra conoscenza dell’argomento: probabilmente tutti, adesso, sappiamo meglio di prima come nascano e si diffondano le malattie e come fare a evitarle, e si spera che queste conoscenze si traducano, in futuro, in un maggior senso civico da parte di tutti e in una maggior propensione a fidarsi più della scienza e meno dei ciarlatani.

Tuttavia, la continua e massiccia presenza di virologi, epidemiologi e infettivologi sulle televisioni e sui giornali generalisti ha forse anche delle conseguenze negative. Non bisogna dimenticare che questi esperti sono anzitutto tecnici che analizzano l’emergenza coronavirus spesso da una prospettiva teorica e col piglio dello specialista che osserva la situazione focalizzandosi, com’è ovvio, sugli aspetti di sua esclusiva pertinenza. Così, a Burioni che vorrebbe imporre l’uso della mascherina a tutti, servirebbe far notare che in Cina l’ammontare della produzione in tempi normali tocca i venti milioni di pezzi al giorno, cifra salita a centoventi milioni in piena emergenza, e che quindi, dati i numeri, è totalmente irrealistico pensare che ogni italiano possa avere una dotazione di mascherine tale da poterle cambiare due o tre volte al dì. A Crisanti invece toccherebbe far osservare che, di 24 milioni e mezzo di famiglie registrate nell’ultimo Censimento generale della popolazione e delle abitazioni, ce ne sono 14 che vivono in case con una superficie inferiore ai cento metri quadrati: e anche volendo trascurare i risultati in termini d’alienazione che una separazione domestica forzata comporterebbe […], per milioni di persone si tratterebbe di un’opzione impraticabile.

Parliamo di due estremi, che dimostrano però i rischi che si corrono quando latita un giornalismo che intervenga per ricondurre la teoria sul piano della realtà, e che comunque s’inseriscono in una narrazione che, avendo trasformato la fiducia in fideismo, al di là dell’ossessivo “restate a casa” poco o niente ci fa arrivare. E il risultato è quello di alimentare l’apprensione: ci s’aggiungano una stampa che spesso non ha brillato per responsabilità e una politica che parrebbe non avere ancora un piano definito e sembrerebbe navigare a vista con decreti che si susseguono uno dopo l’altro e che talvolta appaiono anche tremendamente confusi (malgrado il senso d’avvedutezza suggerisca che maggiori sono le limitazioni alle libertà personali, più chiari e precisi devono essere i provvedimenti: e sono proprio gli scienziati a insistere sull’importanza della chiarezza in questa situazione), e l’effetto è quello che tutti abbiamo sperimentato. Ovvero, un clima d’incertezza che si traduce in un’ansia costante da parte della popolazione, negli atteggiamenti di tanti sindaci che si sono trasformati in implacabili sceriffi, nella parossistica caccia al capro espiatorio, nella delazione da balcone, nella diffusa rassegnazione, nell’inclinazione di qualcuno a guardare con certa benevolenza anche all’autoritarismo.

Una narrazione alternativa della pandemia era possibile? Intanto, dallo spazio più ampio dell’informazione di massa credo manchino, per cominciare, gli altri specialisti: raramente si vedono psicologi, cardiologi, pediatri, immunologi, nutrizionisti e altri che si occupino di chi sta a casa. … sì, stiamo a casa e siamo disposti a farlo perché abbiamo afferrato il motivo (anche se ci sono amministratori che continuano a trattarci come se fossimo un popolo di dodicenni), ma come ci dobbiamo comportare dentro casa? Siamo in milioni e magari sarebbe per noi utile vedere con più frequenza qualcuno che ci indichi qualche buona prassi che ci aiuti a conservare la nostra salute fisica e mentale. E c’è stato anche poco spazio per riflettere su chi nella propria casa non trova una dimensione idilliaca (vittime di violenza, famiglie grandi che vivono in spazi piccoli o famiglie che vivono situazioni precarie dal punto di vista economico o emotivo) o chi una casa non ce l’ha.

E poi, manca quasi completamente un approccio umanistico: non pervenute (o poco pervenute), per esempio, riflessioni sull’impatto dell’emergenza e delle sue conseguenze sul nostro rapporto con gli altri o con ciò che ci circonda o con le nostre abitudini, e che coinvolgano artisti, musicisti, letterati, filosofi, poeti, critici e via dicendo […].
Oppure, altro esempio: si leggono appelli a rimanere a casa a “leggere un buon libro” […], ma manca dallo spazio pubblico mainstream un qualsiasi approfondimento sull’argomento. E considerato anche il fatto che quasi 6 italiani su 10 non leggono neppure un libro nell’arco di un anno, sarebbe stato molto utile qualche programma tv d’invito alla lettura.


Articolo originale
https://www.finestresullarte.info/1266n_coronavirus-sui-media-sovraesposizione-virologi-mancanza-approccio-umanistico.php


Amarcord

di Fa Minore

I commenti sono chiusi.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: