La cattiva musica

di Marcel Proust

Sfogatevi contro la cattiva musica, ma non la disprezzate! Più la cattiva musica viene eseguita o cantata, più è densa di lacrime, di lacrime umane. Occupa una posizione marginale nella storia delle arti, ma di primo piano nella storia delle emozioni del consorzio umano.

Il rispetto per la musica stupida non è in se stesso una forma di carità, ma la consapevolezza del ruolo sociale della musica.

… Uno spartito di povere melodie, con le pagine sgualcite per il grande uso, dovrebbe commuoverci quanto una città o un monumento funebre. Che cosa importa se gli edifici civili sono privi di stile, o se le pietre tombali scompaiono sotto stupide iscrizioni?

da I Piaceri e i Giorni (1896)

Immagine: Jazz Reflections

I commenti sono chiusi.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: